Indice articoli Home

LUCA ERA GAY

Alla fine Grillini l'ha capita: ci hanno strumentalizzati per fare audience. Però, non ci voleva molto a comprendere che la televisione fagocita tutto e tutti, per vendere la propria pubblicità. Così, una semplice canzone a carattere autobiografico, si è trasformata in una bandiera, da contrapporre all'orgoglio gay.

La questione in realtà è molto semplice. Ogni individuo ha una propria personalità, frutto dell'apporto sia del bagaglio ereditario che del vissuto. Ed è compito dell'educazione aiutare l'individuo a raggiungere un'equilibrata identità personale, compresa quella sessuale. Alcune volte, tale equilibrio l'individuo non sente di avere e decide di rivolgersi ad uno psicanalista o all'autoanalisi, per conquistarlo. La depressione adolescenziale è uno dei tentativi della psiche di ricreare la necessaria armonia interiore. Tutto questo non è scandaloso ed è veramente antiscientifico confutare una possibile ristrutturazione della personalità durante la vita e che Luca, da gay, possa essere diventato etero. Soprattutto non si capisce la dura contestazione da parte di chi, per anni, si è battuto per il rispetto della diversità. Sì, è vero - direbbe Grillini - noi ci siamo sempre battuti per la diversità, ma questo Luca non è un diverso come noi!

Il vero problema è che la sessualità non andrebbe sbandierata, né dagli etero né dagli omo. La sessualità è un connotato che ognuno porta dentro di sé ed è sempre rispettabile, finché non arreca danno ad alcuno. Mentre c'è chi rivendica l'orgoglio gay, vi sono tantissimi omosessuali che con serietà portano avanti la loro vita di studio, lavoro e gli ordinari rapporti relazionali, senza sentirsi orgogliosi o menomati per la propria sessualità. Quando tutti i gay non avranno più bisogno di fare gesti eclatanti, indossare gonnellini africani fatti di banane, né vestirsi come improbabili vamp e prostituirsi; quando si libereranno, finalmente, dei grilli e dei Grillini, dei Platinette e dei Luxuria, con tutti gli altri fenomeni da baraccone che la televisione usa ed inventa, allora finalmente sarà compiuta la loro emancipazione sessuale.

 

Indice articoli Home